Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Registro Imprese
Invia ad un amico Stampa questa pagina

Evoluzione normativa

Istituito nel dicembre 1993 (legge n. 580) e operativo dall'anno 1996, riunifica il Registro delle SocietĂ  - in precedenza tenuto dalle Cancellerie Commerciali dei Tribunali - e il Registro Ditte, tenuto originariamente dalle Camere di Commercio. La previsione di tale strumento (art. 2188 e ss. C.c., art. 8 L. 580/1993, D.P.R. 581/1995, D.P.R. 558/1999, L. 340/2000 e successive modifiche ed integrazioni normative), gestito attraverso la rete informatica e telematica, mira ad assicurare la completezza ed organicitĂ  della pubblicitĂ  legale per tutte le imprese soggette ad iscrizione rendendo tempestiva l'informazione giuridico-economica in ordine alle stesse su tutto il territorio nazionale.

Commissione giuridica

Presso la Camera di commercio di Brescia è stata istituita una Commissione giuridica composta dai rappresentanti degli ordini professionali che, dall'anno 2000, collabora con il Registro imprese per la valutazione di casi atipici riguardanti l'iscrizione di atti e/o notizie al Registro imprese e al Repertorio economico amministrativo.

Il risultato del lavoro si è sviluppato in una raccolta di massime commentate. Per poterle consultare è possibile visitare la pagina massime commissione giuridica.

Soggetti interessati

L'iscrizione nel Registro è obbligatoria per i soggetti e gli atti previsti dalla legge.

I soggetti tenuti all'iscrizione sono:

  • gli imprenditori individuali (art. 2195 c.c.);
  • le societĂ  commerciali (art. 2200 c.c.);
  • i consorzi con attivitĂ  esterna (art. 2612 c.c.) e le societĂ  consortili (art. 2615-ter c.c.);
  • i gruppi europei di interesse economico di cui al D.Lgs. 240/1991;
  • gli enti pubblici che hanno per oggetto esclusivo o principale un'attivitĂ  commerciale (art. 2201 c.c.);
  • le societĂ  che sono soggette alla legge italiana ai sensi dell'art. 25 della L. 218/1995;
  • le societĂ  cooperative (art. 2519 c.c.);
  • le societĂ  estere aventi in Italia una o piĂą sedi secondarie (art. 2506 c.c.);
  • le aziende speciali degli enti locali di cui al D.L. 31.01.1995, n. 26 convertito nella legge 29.03.1995, n. 95;
  • gli imprenditori agricoli (art. 2135 c.c.);
  • i piccoli imprenditori tra cui rientrano anche i coltivatori diretti (art. 2083 c.c.);
  • le societĂ  semplici (art. 2251 c.c.).

Nel Registro sono inoltre annotate anche le imprese artigiane.

Le sezioni del Registro Imprese

Formalmente il Registro Imprese è unico, ma di fatto si articola in due sezioni:

  • la sezione ordinaria contenente i dati dei soggetti obbligati all'iscrizione a norma del Codice Civile;
  • la sezione speciale (in cui sono confluite le categorie per le quali, in precedenza, vi era un'apposita sezione speciale: imprenditori agricoli, piccoli imprenditori, societĂ  semplici, imprese artigiane iscritte nell'apposito Albo) destinata a raccogliere le iscrizioni e le annotazioni dei soggetti per i quali l'obbligo formale di pubblicitĂ  è stato introdotto dalla legge di riforma degli enti camerali.

L'iscrizione nel Registro delle Imprese degli atti e fatti previsti dalla legge, da parte dei soggetti che vi sono tenuti, ha effetti giuridici di pubblicità (dichiarativa o costitutiva) in quanto consente di opporre ai terzi quanto è stato iscritto, dando vita ad una presunzione circa l'esistenza e la certezza dei fatti iscritti.
L'iscrizione nella sezione speciale del Registro Imprese, diversamente dall'iscrizione nella sezione ordinaria dello stesso, ha funzione di certificazione anagrafica e di pubblicitĂ  notizia assolvendo al solo scopo di rendere conoscibili i fatti e le dichiarazioni rese al Registro che non sono quindi opponibili ai terzi.

Iscrizione e deposito atti

Di regola l'iscrizione nel Registro Imprese avviene su domanda dell'interessato.

Nell'eventualitĂ  che non venga da questi richiesta nei termini di legge, l'iscrizione viene disposta d'ufficio con provvedimento del Giudice del Registro Imprese.

Alla tenuta, conservazione e gestione del Registro Imprese è preposto un Conservatore cui competono, oltre alle funzioni di certificazione, quelle di controllo delle condizioni di legge per l'iscrivibilità degli atti.

Le domande di iscrizione e di deposito e per gli atti presentati al Registro Imprese dalle imprese societarie e individuali vengono presentate mediante il servizio Telemaco che consente, inoltre, il rilascio di certificati e visure per via telematica.

Le societĂ  devono trasmettere alla Camera di Commercio i principali documenti relativi alla vita dell'impresa: atti costitutivi, statuti e atti modificativi, bilanci ed elenchi soci, etc..

Il Registro Imprese è inoltre integrato con i dati del Repertorio Economico Amministrativo: per ogni impresa sono, quindi, certificabili sia l'assetto giuridico che i dati economici.

Funzioni dell'ufficio

Le funzioni principali dell'Ufficio Registro delle Imprese sono:

  • la conservazione ed esibizione dei documenti ed atti soggetti a iscrizione, annotazione o deposito presso lo stesso;
  • la ricezione degli atti e delle notizie precedentemente soggetti alla pubblicazione nel BUSARL e nel BUSC e gli adempimenti conseguenti;
  • il rilascio di certificati di iscrizione o annotazione nel Registro, di certificati attestanti il deposito di atti e di certificati attestanti la mancanza di iscrizioni;
  • il rilascio di copia integrale o parziale di atti depositati o iscritti nel Registro;
  • la bollatura e numerazione dei libri e delle scritture contabili delle imprese;
  • la tenuta del REA ed il rilascio di visure e certificati inerenti alle iscrizioni e alle annotazioni.

Orari di accesso per il pubblico

Per conoscere gli orari di accesso per il pubblico è possibile consultare la pagina Contatti uffici






Valid XHTML 1.0 Strict  Valid CSS!  Level Double-A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Sito ottimizzato in risoluzione 1024x768 e superiori