Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Internazionalizzazione >> Certificati d'origine >> domande frequenti
Invia ad un amico Stampa questa pagina

1.3 - Quali sono i criteri per l'individuazione dell'origine non preferenziale di una merce ai fini della richiesta di emissione di un Certificato di Origine?

L'individuazione dell'origine non preferenziale di un bene è volta a tutelare il consumatore circa la qualità di un bene legata al Paese in cui questo è fabbricato. Per determinare il Paese di origine non preferenziale è necessario fare riferimento all'art. 60 del nuovo Codice Doganale (CDU), che riporta quanto già previsto dal precedente Codice ed opera una distinzione tra merci interamente ottenute e merci così dette lavorate:

  1. Paese in cui la merce è stata interamente ottenuta. In questi casi, l'individuazione dell'origine risulta immediata (tipicamente materie prime minerali, agricole e animali);

  2. Merci lavorate: beni alla cui produzione hanno partecipato due o pi√Ļ Paesi sono considerate originarie del Paese in cui hanno subito l'ultima trasformazione o lavorazione sostanziale (intendendo con ci√≤ anche l'eventuale incorporazione di prodotti originari di quel Paese ovvero una lavorazione che termina con un prodotto diverso e/o con un valore aggiunto maggiore). L'esportatore, quindi, deve stabilire dove sia stato effettuato il processo produttivo che, all'interno della filiera produttiva, ha determinato l'ottenimento di un prodotto sostanzialmente nuovo, con caratteristiche e propriet√† specifiche non possedute n√© dai materiali di partenza, n√© dal prodotto semilavorato o comunque dove si √® attribuito al prodotto il maggiore valore aggiunto.

I criteri di base per individuare l'origine sono, pertanto:

  1. cambio di classificazione tariffaria;

  2. percentuale del valore aggiunto;

  3. tipi di lavorazione conferenti l'origine.

Per stabilire, in concreto, quale sia l'ultima lavorazione sostanziale è utile consultare l'allegato 22-01 del nuovo codice doganale in cui è riportato un elenco, non esaustivo, di voci doganali con associate le relative regole per determinare l'origine dei beni che in tali voci sono classificati. Per consultare il Nuovo Codice Doganale andare alla pagina Normativa di riferimento Certificati d'origine.