Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Competitività imprese >> Punto Nuova Impresa >> Attività legate all'estetica e cura del corpo
Invia ad un amico Stampa questa pagina

Introduzione all'avvio di impresa

Avviare e gestire una impresa comporta la conoscenza di alcune informazioni di base di natura amministrativa, fiscale, contributiva: la creazione di un businness plan, l'elaborazione di una strategia di vendita, una corretta pianificazione economico finanziaria sono tra gli elementi di successo per l'attività.

Per accedere a queste informazioni essenziali è possibile consultare le seguenti pagine:

 

Acconciatore: requsiti professionali

L’acconciatore, detto comunemente parrucchiere, lava, taglia, acconcia, colora o decolora i capelli ed esegue trattamenti estetici o tricologici, che non abbiano carattere medico o sanitario.

Per svolgere tale attività è necessario avere una specializzazione professionale che attesti il possesso dei requisiti professionali e di onorabilità. I requsiti professionali sono dettagliati alla pagina Qualifiche

Che cosa fare

Prima di iniziare l'attività l'impresa deve presentare al Suap comunale in forma telematica la S.C.I.A. utilizzando la modulistica unificata regionale corredata della necessaria documentazione (disponibilità dei locali, planimetrie, ricevuta di versamento oneri ASL, documento identità …).

La presentazione della S.C.I.A. consente di iniziare subito l’attività.

Si ricorda che il Comune ha competenza sia in materia di verifica dei requisiti professionali, laddove richiesti, che in materia di requisiti strutturali.

Si suggerisce pertanto di verificare preventivamente le caratteristiche dei locali in relazione sia alla normativa igienico sanitaria che alla normativa urbanistico edilizia.

Estetista

L’estetista è una figura professionale che esegue trattamenti sulla superficie del corpo umano per mantenerne l’aspetto nelle migliori condizioni possibili.

Per svolgere l'attività di estetista è necessario avere una qualifica professionale che attesti il possesso dei requisiti professionali e di onorabilità. I requsiti professionali sono dettagliati alla pagina Qualifiche

Che cosa fare

Prima di iniziare l'attività l'impresa deve presentare al Suap comunale in forma telematica la S.C.I.A. utilizzando la modulistica unificata regionale corredata della necessaria documentazione (disponibilità dei locali, planimetrie, ricevuta di versamento oneri ASL, documento identità …).

La presentazione della S.C.I.A. consente di iniziare subito l’attività.

Si ricorda che il Comune ha competenza sia in materia di verifica dei requisiti professionali, laddove richiesti, che in materia di requisiti strutturali.

Si suggerisce pertanto di verificare preventivamente le caratteristiche dei locali in relazione sia alla normativa igienico sanitaria che alla normativa urbanistico edilizia.

Tatutaggi e piercing

L'operatore di tatuaggio e piercing può operare presso centri estetici o in un proprio studio.

Deve operare tenendo conto delle “Linee guida per l’esecuzione di procedure di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza”.

Con nota in data 8.2.2012 prot. H1.2012.0004429 le DG Sanità e DG Istruzione e formazione Regione Lombardia hanno precisato, fra altro:

  • che con decreto 4721 del 25 maggio 2011 è stato definito il profilo professionale di “Operatore di Tatuaggio e Piercing” che consente “l’avvio di appositi percorsi formativi a cura degli enti di formazione accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale”;
  • che per tutti coloro che esercitano l’attività di Tatuatore e Piercer è obbligatoria la formazione “ai fini dell’acquisizione delle competenze in ambito igienico-sanitario per tutelare, nell’esercizio dell’attività, la salute del cliente”;
  • che la dizione “iscrizione ai primi corsi regionali utili” è da riferirsi all’arco di 24 mesi a partire dalla data del decreto (Nota dell’Ente: 24 mesi a far data dal 25 maggio 2011 e pertanto entro il 25 maggio 2013);
  • che pertanto entro tale termine “tutti gli operatori che già svolgono la suddetta attività, devono adeguarsi entro 24 mesi (Nota dell’Ente: 24 mesi a far data dal 25 maggio 2011).

Per l'avvio di attività di tatuaggio, ad oggi, non è necessario il requisito professionale di estetista.

Che cosa fare

Prima di iniziare l'attività l'impresa deve presentare al Suap comunale in forma telematica la S.C.I.A. utilizzando la modulistica unificata regionale corredata della necessaria documentazione (disponibilità dei locali, planimetrie, ricevuta di versamento oneri ASL, documento identità …).

La presentazione della S.C.I.A. consente di iniziare subito l’attività.

Si ricorda che il Comune ha competenza sia in materia di verifica dei requisiti professionali, laddove richiesti, che in materia di requisiti strutturali.

Si suggerisce pertanto di verificare preventivamente le caratteristiche dei locali in relazione sia alla normativa igienico sanitaria che alla normativa urbanistico edilizia.

Casi particolari

  • Onicotecnica (ricostruzione edecorazione unghie): bisogna fare un distinguo tra chi vuole esercitare la sola attività di decorazione unghie da chi vuole esercitare la vera e propria attività di onicotecnica (ricostruzione, applicazione e decorazione unghie artificiali) per la quale occorre essere in possesso degli stessi requisiti professionali richiesti agli estetisti.
  • Massaggi non terapeutici (estetici, shiatsu,ajurvedici etc.): gli esercizi per attività di massaggi di carattere estetico, massaggi ed attività rilassanti antistress attraverso il tocco delle mani, massaggi effettuati mediante l'uso di tecniche orientali con esclusivo utilizzo di tecniche manuali e tutti gli altri tipi di massaggio non terapeutico sono riconducibili ai requisiti di cui alla legge 1/1990 (requisito di estetica) . Da questo ambito sono escluse le attività paramediche (quali quelle di fisioterapia) che vengono svolge a seguito di prescrizione medica.
  • Haloterapia (grotte al sale): La ”halotherapy” (haloterapia) è una terapia basata sui benefici derivanti dalla somministrazione per via inalatoria di cloruro di sodio micronizzato cioè di sale medicale di roccia purissimo. Se l'attività è svolta senza altre attività di estetica non è richiesto il requisito professionale.

Eventuali agevolazioni per l'avvio di Impresa

Per l'avvio delle attività di Impresa possono esistere agevolazioni pubbliche.

Le leggi di agevolazione operano o con riferimento al settore di attività (ad esempio artigiana, commerciale ...), o con riferimento al tipo di impresa costituita (impresa individuale, società, giovanile, femminile ecc..)

Le agevolazioni possono a loro volta consistere:

  • in contributi in conto capitale, cioè contributi a fondo perduto (che non vanno resi)
  • in contributi in conto interessi, cioè vengono erogati finanziamenti a tasso agevolato(quindi importi che vanno restituiti).

Altro elemento importante da sottolineare è che le agevolazioni non sono concesse nella fase cosiddetta di pre start-up, cioè prima che l'impresa sia costituita e iscritta al registro dell imprese. Questo vuol dire che l'aspirante imprenditore deve organizzarsi autonomamente per il reperimento delle risorse finanziarie per avviare la propria impresa, sapendo che in determinate circostanze può beneficiare di agevolazioni che gli permettono di rientrare in parte delle spese sostenute.

Per maggiori informazioni si invita a consultare la pagina Norme di finanziamento agevolato




Dove rivolgersi
Ufficio:Competitività delle Imprese
Via Einaudi, 23 - 25121 Brescia - V Piano
Contatti:Tel. 030.3725.264/298
Fax 030.3725.300
E-mail: pni@bs.camcom.it
Orari di apertura al pubblico:Dal lunedì al giovedì: 9.00 - 15.30
Venerdì: 9.00 - 13.00
Accesso allo sportello:Si riceve previo appuntamento
Attività dell'ufficio presenti sul sito:Documentazione   Pianificazione economico-finanziaria   Piano commerciale   Studi di settore   INPS e INAIL   Documenti fiscali   Attività artigianali alimentari   Servizi per l'infanzia   Somministrazione alimenti e bevande   Trasporto cose in conto terzi   Enterprise Europe Network   Le basi per l'avvio di Impresa   Business plan   Opportunità e Stage   Imprenditorialità femminile   Responsabilità sociale per le imprese   Attività del settore ricettivo e turistico   Commercio al minuto in sede fissa   Agenzie d'affari   Punto Nuova Impresa   Start up e PMI Innovative   Strumenti di finanziamento   Norme di finanziamento agevolato   Sportello Europa   Etichettatura prodotti alimentari   Bandi di contributo non camerali   Servizi per l'impresa digitale   Alternanza scuola lavoro