Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Competitività imprese >> Punto Nuova Impresa >> Attività del settore ricettivo e turistico
Invia ad un amico Stampa questa pagina

Introduzione all'avvio di impresa

Avviare e gestire una impresa comporta la conoscenza di alcune informazioni di base di natura amministrativa, fiscale, contributiva: la creazione di un businness plan, l'elaborazione di una strategia di vendita, una corretta pianificazione economico finanziaria sono tra gli elementi di successo per l'attività.

Per accedere a queste informazioni essenziali è possibile consultare le seguenti pagine:

 

Bed & Breakfast

I bed and breakfast sono strutture ricettive a conduzione familiare e a carattere saltuario che forniscono alloggio e prima colazione, gestite da privati che utilizzano parti della loro abitazione di residenza, con spazi familiari condivisi. L’attività può essere esercitata in non più di 4 camere con un massimo di 12 posti letto.

L’esercizio dell’attività di bed & breakfast non necessita di iscrizione alla sezione speciale del Registro delle Imprese e beneficia delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente. Non essendo attività di impresa, non beneficia delle eventuali agevolazioni previste per le imprese.

Qualora l’attività si svolga in più di una stanza devono essere garantiti non meno di due servizi igienici per unità abitativa; alle camere da letto destinate agli ospiti si deve poter accedere senza attraversare la camera da letto ed i servizi destinati alla famiglia o ad altro ospite. I locali devono possedere i requisiti igienico-sanitari previsti dal regolamento edilizio comunale e dal regolamento d’igiene, nonché rispettare la normativa vigente in materia di sicurezza e di somministrazione di cibi e bevande. Il servizio di pulizia delle stanze e sostituzione della biancheria deve essere svolto almeno tre volte alla settimana e, comunque, ad ogni cambio di ospite. La pulizia del bagno deve avvenire quotidianamente.

Il responsabile dell’attività è tenuto a sottoscrivere un’adeguata polizza assicurativa di responsabilità civile per il verificarsi di eventuali danni agli ospiti.

Affittacamere

Gli esercizi di affittacamere sono strutture ricettive non alberghiere composte da non più di 6 camere (con una capacità ricettiva di massimo 12 posti letto), ubicate in non più di 2 appartamenti ammobiliati in uno stesso stabile, nei quali sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari ai clienti.

L’attività di affittacamere, può essere svolta:

  • In forma professionale, cioè come attività di Impresa, ed implica l’obbligo dell’iscrizione al Registro delle Imprese nonché il rispetto degli adempimenti presso la Provincia, compresa la comunicazione dei prezzi (di cui all’art. 75 l.r. 42/2000).
  • In forma non professionale, quindi da privato, può essere esercitata unicamente nella casa dove la persona fisica ha la residenza e il domicilio.

I locali destinati all’esercizio di affittacamere devono possedere le caratteristiche strutturali ed igienico-sanitarie previste per i locali di civile abitazione e devono essere dotati di un servizio igienico-sanitario, completo di tazza igienica con cacciata d’acqua, lavabo, vasca da bagno o doccia, specchio, ogni sei posti letto o frazione di sei superiore a due, comprese le persone appartenenti al nucleo familiare e conviventi. Alle camere da letto destinate agli ospiti si deve poter accedere senza dover attraversare la camera da letto ed i servizi destinati alla famiglia o ad altro ospite. Gli affittacamere devono assicurare, avvalendosi della normale organizzazione familiare, i seguenti servizi minimi di ospitalità compresi nel prezzo dell’alloggio: pulizia dei locali e cambio della biancheria ad ogni cambio di cliente, ed almeno una volta alla settimana; fornitura di energia elettrica, acqua calda e fredda e riscaldamento; telefono ad uso comune. Per le camere da letto, l’arredamento minimo è costituito da un letto e una sedia per persona, oltre che da un armadio, da un tavolo-scrittoio e da un cestino porta rifiuti.

L’attività di affittacamere può essere esercitata in modo complementare rispetto all’esercizio di somministrazione di alimenti e bevande, qualora tale attività sia svolta dal medesimo titolare in una struttura immobiliare unitaria.

 

L'Ente di riferimento è comunque il Comune dove ha sede l'immobile oggetto dell'attività presso il quale è opportuno verificare a priori tutti gli aspetti connessi.

Agenzie di viaggio

Sono agenzie di viaggio e turismo le imprese che esercitano attività di produzione, organizzazione, intermediazione, prenotazione e vendita biglietti di viaggi e soggiorni. Anche le attività di vendita di biglietti (ferroviari, aerei o altro) esercitate esclusivamente on line sono a tutti gli effetti considerate agenzie di viaggio).

Le funzioni amministrative relative all’esercizio di attività delle agenzie di viaggio e turismo (autorizzazioni – rinnovi – esami per Direttori tecnici) sono esercitate dalle Province.

La normativa che regolamenta l’esercizio delle attività è il Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo (legge regionale 16 luglio 2007, n. 15) che riportiamo in allegato negli articoli dal 79 al 93.

La legge regionale richiede che la responsabilità tecnica dell’agenzia di viaggio e turismo sia affidata ad un direttore tecnico iscritto nel Registro regionale dei direttori tecnici, gestito ed aggiornato dalla Regione che periodicamente lo pubblica sul Bollettino Ufficiale. Recentemente sono intervenute modifiche nella normativa nazionale relativa alle professioni turistiche che si sono ripercosse anche su quella regionale.

Per l'avvio dell'attività è necessario presentare la S.C.I.A. in formato cartaceo presso l'Amministrazione Provinciale, presso la quale andranno anche verificati i requisiti e gli adempimenti necessari.

Eventuali agevolazioni per l'avvio di Impresa

Per l'avvio delle attività di Impresa possono esistere agevolazioni pubbliche.

Le leggi di agevolazione operano o con riferimento al settore di attività (ad esempio artigiana, commerciale ...), o con riferimento al tipo di impresa costituita (impresa individuale, società, giovanile, femminile ecc..)

Le agevolazioni possono a loro volta consistere:

  • in contributi in conto capitale, cioè contributi a fondo perduto (che non vanno resi)
  • in contributi in conto interessi, cioè vengono erogati finanziamenti a tasso agevolato(quindi importi che vanno restituiti).

Altro elemento importante da sottolineare è che le agevolazioni non sono concesse nella fase cosiddetta di pre start-up, cioè prima che l'impresa sia costituita e iscritta al registro dell imprese. Questo vuol dire che l'aspirante imprenditore deve organizzarsi autonomamente per il reperimento delle risorse finanziarie per avviare la propria impresa, sapendo che in determinate circostanze può beneficiare di agevolazioni che gli permettono di rientrare in parte delle spese sostenute.

Per maggiori informazioni si invita a consultare la pagina Norme di finanziamento agevolato




Dove rivolgersi
Ufficio:Competitività delle Imprese
Via Einaudi, 23 - 25121 Brescia - V Piano
Contatti:Tel. 030.3725.264/298
Fax 030.3725.300
E-mail: pni@bs.camcom.it
Orari di apertura al pubblico:Dal lunedì al giovedì: 9.00 - 15.30
Venerdì: 9.00 - 13.00
Accesso allo sportello:Si riceve previo appuntamento
Attività dell'ufficio presenti sul sito:Documentazione   Pianificazione economico-finanziaria   Piano commerciale   Studi di settore   INPS e INAIL   Documenti fiscali   Attività artigianali alimentari   Attività legate all'estetica e cura del corpo   Servizi per l'infanzia   Somministrazione alimenti e bevande   Trasporto cose in conto terzi   Enterprise Europe Network   Le basi per l'avvio di Impresa   Business plan   Opportunità e Stage   Imprenditorialità femminile   Responsabilità sociale per le imprese   Commercio al minuto in sede fissa   Agenzie d'affari   Punto Nuova Impresa   Start up e PMI Innovative   Strumenti di finanziamento   Norme di finanziamento agevolato   Sportello Europa   Etichettatura prodotti alimentari   Bandi di contributo non camerali   Servizi per l'impresa digitale   Alternanza scuola lavoro