Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Competitività imprese >> Punto Nuova Impresa >> Trasporto cose in conto terzi
Invia ad un amico Stampa questa pagina

Requisiti soggettivi

Tutte le persone fisiche e giuridiche che esercitano l’autotrasporto di cose per conto di terzi debbono iscriversi all’albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, tenuto da ciascuna provincia.

Per informazioni sull'Albo trasportatori è necessario contattare direttamente il competente servizio dell'Amministrazione Provinciale.

L’impresa è tenuta a pagare una tantum una tassa di concessione governativa di Euro 168,00, nonché a versare annualmente una quota di iscrizione all’albo.

Per l’attività svolta con veicoli fino a 1,5 tonnellate di massa complessiva a pieno carico e' richiesto solo il requisito della onorabilità (cioè non essere stato sottoposto a determinate condanne penali o misure di sicurezza o essere fallito o sottoposto a procedure concorsuali).

L’onorabilità deve essere posseduta:

  1. dall’amministratore unico ovvero dai membri del consiglio di amministrazione;
  2. dai soci illimitatamente responsabili per le società di persone;
  3. dal titolare dell’impresa individuale o familiare;
  4. in ogni caso, dal preposto alla direzione dell’attività di impresa, se diverso dai soggetti precedenti.

Per l’attività svolta con veicoli oltre le 1,5 tonnellate di massa complessiva a pieno carico il requisito della onorabilità (vedi par. precedente);

  • il requisito della capacità finanziaria necessaria a garantire una buona gestione dell’impresa:

    si ritiene sussistente se vi è la disponibilità di almeno Euro 9.000,00 nel caso si disponga di un automezzo adibito ad uso terzi, e di Euro 5.000,00 per ogni autoveicolo supplementare;

  • il requisito della idoneità professionale deve essere posseduto dalla persona che dirige l’attività e comprovato da attestato di idoneità professionale; l’attestato di idoneità professionale viene rilasciato a seguito del superamento di un esame che si sostiene presso la provincia; anche chi può provare di aver maturato un’esperienza pratica di almeno 5 anni di direzione dell’attività, é tenuto a sostenere un apposito esame, definito di controllo;

  • il requisito dello stabilimento richiesto dalla normativa comunitaria edl requisito dello stabilimento è soddisfatto dalle imprese di autotrasporto che dimostrino di:

    a) disporre di una sede effettiva e stabile situata nel territorio dello stato italiano presso la quale conservano la propria documentazione contabile, fiscale, del lavoro e attinente l’attività di trasporto (detta documentazione può anche essere conservata presso specifici professionisti);

    b) disporre di almeno un autoveicolo adibito al trasporto di merci di massa complessiva superiore a 1,5 tonnellate;

    c) indicare la sede operativa (officina) presso la quale svolge l’attività di manutenzione dei propri autoveicoli.




Dove rivolgersi