Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Brescia
 
Homepage >> Registro Imprese >> Metrologia e sicurezza prodotto - Accertamenti >> Sicurezza dei prodotti >> EMG Compatibilità elettromagnetica
Invia ad un amico Stampa questa pagina

Compatibilità elettromagnetica - Campo di applicazione

La maggior parte delle apparecchiature ed i dispositivi elettrici che rientrano nel campo di applicazione della Direttiva Bassa Tensione (LVD) possono generare fra loro interferenze che compromettono o influenzano negativamente il loro funzionamento.

Tali prodotti pertanto, oltre ai requisiti previsti dalla Direttiva Bassa Tensione, devono anche rispettare i requisiti della Direttiva sulla Compatibilità Elettromagnetica (EMC).

Lo scopo della Direttiva è quello di assicurare che le perturbazioni elettromagnetiche prodotte dalle apparecchiature non pregiudichino il corretto funzionamento di altri apparecchi e garantire che le apparecchiature abbiano un adeguato livello di immunità intrinseca alle perturbazioni elettromagnetiche.

Sono esclusi dall'ambito di applicazione della legislazione sulla compatibilità elettromagnetica:

  • le apparecchiature radio e i terminali di telecomunicazione oggetto del D. Lgs. 9 maggio 2001, n. 269;

  • i prodotti aeronautici e loro parti e pertinenze di cui al regolamento CE n. 1592/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 luglio 2002;

  • le apparecchiature radio utilizzate da radioamatori, secondo le disposizioni relative alle radiocomunicazioni adottate nel quadro della Costituzione e della Convenzione dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT), a meno che tali apparecchiature siano disponibili in commercio; a tale fine, i kit di componenti assemblati da radioamatori per proprio uso e le apparecchiature commerciali modificate per proprio uso da radioamatori non sono considerate apparecchiature disponibili in commercio;

  • gli apparecchi e gli impianti fissi, costruiti per usi militari.

Nella Comunità europea devono circolare solo prodotti “sicuri” e “conformi” che devono possedere i requisiti formali e di sicurezza previsti dalle norme vigenti. Prima di essere immessi sul mercato devono, pertanto, obbligatoriamente possedere:

  • la marcatura CE: dichiara la conformità del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza e alle procedure di valutazione di conformità contenute nelle Direttive Comunitarie. Solo il fabbricante o il suo mandatario, stabilito nella Comunità, sono autorizzati ad apporla; essa non può essere apposta da Enti terzi, neanche quando questi sono coinvolti nella procedura di valutazione della conformità; la marcatura deve essere apposta sul prodotto oppure, se ciò non è fattibile, sull'imballaggio, sulle avvertenze d'uso o sul certificato di garanzia; deve essere visibile, facilmente leggibile ed indelebile e deve essere conforme al simbolo grafico di cui all'allegato V del Decreto legislativo n. 194/2007;
  • i dati di targa e le informazioni obbligatorie: sono i dati identificativi del prodotto( marca, modello, articolo, lotto, codice, codice a barre) , il marchio/nome e indirizzo del fabbricante o del suo mandatario nella Comunità europea o dell'importatore, le informazioni redatte in lingua italiana sulle precauzioni specifiche da adottare nell'assemblaggio, nell'installazione, nella manutenzione o nell'uso dell'apparecchio affinchè esso, una volta messo in servizio, sia conforme ai requisiti in materia di protezione.

Procedure di valutazione di conformità

Prima di immettere un prodotto sul mercato, il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità deve prendere tutte le misure necessarie affinché il processo di fabbricazione ne garantisca la conformità ai requisiti di legge. Il fabbricante o il suo rappresentante stabilito nella Comunità dopo aver apposto la marcatura CE deve raccogliere e tenere a disposizione dell'Autorità competente al controllo la dichiarazione di conformità e la documentazione tecnica relativa al prodotto di cui all'All. IV del Decreto legislativo n. 194/2007. Nel caso in cui né il fabbricante né il suo rappresentante siano stabiliti nella Comunità, l'obbligo compete all'importatore o alla persona responsabile dell'immissione del prodotto sul mercato.

Dichiarazione di conformità

La dichiarazione di conformità, redatta in una delle lingue ufficiali della Comunità, deve comprendere i seguenti elementi:

  • nome e indirizzo del fabbricante o del suo mandatario stabilito nella Comunità;

  • descrizione del materiale elettrico;

  • riferimento alle norme armonizzate;

  • eventuale riferimento alle specifiche per le quali è dichiarata la conformità;

  • identificazione del firmatario che ha il potere di impegnare il fabbricante o il suo rappresentante stabilito nella Comunità;

  • le ultime due cifre dell'anno in cui è stata apposta la marcatura CE;

  • data e firma della persona autorizzata ad impegnare il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato.

Documentazione tecnica

La documentazione tecnica deve contenere le informazioni di cui all'All IV, c. 1 del Decreto legislativo 194/2007, precisamente:

  • una descrizione generale dell'apparecchio;

  • documentazione attestante la conformità alle norme armonizzate eventualmente applicate, in tutto o in parte;

  • quando il fabbricante non ha applicato norme armonizzate o le ha applicate solo in parte, una descrizione e una spiegazione delle misure adottate per soddisfare i requisiti essenziali della direttiva 2004/108/CE, con una descrizione della valutazione della compatibilità elettromagnetica di cui all'allegato II, punto 1, i risultati dei calcoli progettuali effettuati, gli esami effettuati, i rapporti di prova, ecc.;

  • una dichiarazione dell'organismo notificato, se è stata seguita la procedura di cui all'allegato III.

     

Vigilanza e controlli

La vigilanza sulla sicurezza e sulla conformità del materiale elettrico spetta al Ministero dello Sviluppo Economico che si avvale delle Camere di Commercio, previa intesa degli Ispettorati del lavoro, nonché di altre Amministrazioni dello Stato e delle Autorità pubbliche locali nell'ambito delle rispettive competenze.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, quando accerta che le apparecchiature elettriche di cui al Decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 194, anche se munito di marcatura CE ed utilizzato conformemente alla propria destinazione non rispettano i requisiti essenziali di sicurezza, ne ordina la conformazione o il ritiro temporaneo dal mercato o ne vieta o limita la circolazione e l'installazione.

Sanzioni

Le sanzioni applicabili sono quelle previste dall'articolo 15 del Decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 194

documento in formato pdf Sanzioni (dimensione 67,99 Kb).

Solo per gli aspetti non coperti dalle normative di settore vengono applicate le sanzioni previste dall’Art. 112 D.Lgs. 6/9/2005 n. 206.

Seminari e convegni

Documentazione relativa al workshop del 29 settembre 2009:

documento in formato pdf Materiale elettrico (dimensione 3,03 Mb)

 

Link utili

Sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico www.sviluppoeconomico.gov.it

Sito internet dell'Agenzia delle Dogane: www.agenziadogane.it

Segnalazione di non conformità di un prodotto elettrico

Per segnalare prodotti elettrici non conformi da sottoporre ad eventuale verifica da parte della Camera di commercio di Brescia è possibile utilizzare anche la procedura disponibile nella pagina Richieste on line

 

Normativa di riferimento

Le leggi nazionali

  • Decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 194 - Attuazione della Direttiva 2004/108/CE concernente il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la Direttiva 89/336/CEE.

Le leggi comunitarie

  • Direttiva 2004/108/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 dicembre 2004 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la Direttiva 89/336/CEE.
  • Direttiva 2001/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 dicembre 2001 relativa alla sicurezza generale dei prodotti.



Dove rivolgersi
Ufficio:Metrico e Tutela del Prodotto
Attività Ispettive e di Vigilanza
Via Einaudi, 23 - 25121 Brescia - Salone Piano Terra (ingresso da Via Benedetto Croce)
Contatti:Tel. 030.3725.241
E-mail: sicurezza.prodotti@bs.camcom.it
posta elettronica certificata (P.E.C.): registroimprese.brescia@bs.legalmail.camcom.it
Orari di apertura al pubblico:Dal lunedì al giovedì: 9.00 - 15.30
Venerdì: 9.00 - 13.00
Attività dell'ufficio presenti sul sito:Attività ispettive e di vigilanza   Sicurezza dei prodotti   Prodotti elettrici bassa tensione   Giocattoli   Prodotti tessili   Calzature   Dispositivi di protezione individuale   CO2   Pentole a pressione   Etichettatura energetica   Magazzini generali