Organismi di mediazione

La mediazione può svolgersi presso enti pubblici o privati, che debbono essere iscritti nel Registro Organismi di Mediazione, tenuto presso il Ministero della Giustizia, che erogano il servizio di mediazione nel rispetto della legge, del regolamento ministeriale e del regolamento interno di cui sono dotati, approvato dal Ministero della Giustizia.

Il Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio di Brescia ha ottenuto l'iscrizione al n. 104 del Registro degli Organismi di Mediazione (ROM) tenuto dal Ministero di Giustizia.


Variazione operatività Organismo di Mediazione

Si informa che per effetto del DPCM del 18 ottobre u.s. , art.1 lettera d n. 5, che prevede che " nell'ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono con modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni", la Segreteria dell'Organismo provvederà a pianificare gli incontri di programmazione e le sedute di mediazione in modalità telematica.

Se le parti ritengono sussista la necessit√† che uno o pi√Ļ incontri si svolgano in presenza, dovranno farne motivata richiesta alla Segreteria dell'Organismo che valuter√† caso per caso, programmando sessioni in presenza solo se necessario e in ogni caso nel rispetto dei protocolli di sicurezza previsti dall'Ente.

Si specifica che tutte le domande di mediazione - senza distinzione tra obbligatorie e volontarie Рdi conciliazione e ogni altra istanza che rientri nei servizi di ADR, nonché tutti i documenti relativi alle pratiche in corso o da avviare, potranno essere trasmesse in via preferenziale a mezzo Conciliacamera, Posta Elettronica Certificata o, in subordine, a mezzo posta elettronica ordinaria, ovvero depositate a mezzo corriere o tramite uno dei servizi di posta raccomandata a condizione che, in tutti i casi, sia certificata la consegna, fermo restando il rispetto delle prescrizioni sull'imposta di bollo, ove richiesta, e l'obbligo di depositare gli originali cartacei al cessare della fase di emergenza.

Si precisa che la Segreteria dell'Organismo di mediazione è raggiungibile esclusivamente con modalità telefonica o telematica, ai recapiti indicati nel box in fondo alla pagina.

 

Mediazione

Il D.Lgs. 28/2010 ha previsto che, nelle controversie civili e commerciali, le parti possano o, in talune ipotesi, debbano, fare ricorso alla mediazione. La mediazione √® definita come l'attivit√†, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o pi√Ļ soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa. La composizione della controversia a seguito dello svolgimento della mediazione prende il nome di conciliazione.

Tipologie di mediazione

Alla luce della riforma introdotta con il D.Lgs. 28/2010, è possibile individuare diversi tipi di mediazione:

  • mediazione obbligatoria: quella che √® prevista dalla vigente normativa come condizione di procedibilit√† della domanda giudiziale. In particolare, ai sensi dell'articolo 5 del D.Lgs 28/2010, chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa a una controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilit√† medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicit√†, contratti assicurativi, bancari e finanziari, √® tenuto, con la necessaria assistenza di un Avvocato, a esperire preliminarmente il procedimento di mediazione.

    La legge n. 70/2020 (conversione D.L. 28/2020) ha introdotto una nuova ipotesi di mediazione obbligatoria riferita alle controversie in materia di obbligazioni contrattuali derivanti dall'emergenza sanitaria da Covid - 19, al fine di favorire la composizione conciliativa delle liti civili e commerciali nel caso di inadempimento contrattuale riconducibile all'emergenza sanitaria, a favore delle imprese e dei consumatori. Di conseguenza, anche per questa ipotesi l'Organismo di Mediazione della Camera di Commercio applicher√† il tariffario pi√Ļ favorevole previsto per le materie oggetto di mediazione obbligatoria.

  • mediazione facoltativa o volontaria: in qualsiasi materia - purch√© attinente alla sfera del diritto civile e commerciale e avente ad oggetto diritti disponibili - √® possibile esperire il tentativo non obbligatorio di mediazione secondo le regole procedurali stabilite dal D. Lgs 28/2010. Al fine di favorire la composizione extragiudiziale delle controversie, il legislatore ha previsto dei benefici economici per la mediazione facoltativa.

  • mediazione demandata dal giudice: dopo che il processo √® stato avviato, il giudice stesso anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell'istruzione e il comportamento delle parti, pu√≤ disporre l'esperimento del procedimento di mediazione. In questo caso, l'esperimento del procedimento di mediazione √® condizione di procedibilit√† della domanda giudiziale anche in sede di appello. Il provvedimento di cui al periodo precedente e' adottato prima dell'udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non √® prevista, prima della discussione della causa. In questi casi, il Giudice fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all'articolo 6 e, quando la mediazione non √® gi√† stata avviata, assegna contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione

  • mediazione in base a clausola contrattuale: quando il contratto (o lo statuto) rispetto cui si √® originata la controversia vincoli le parti che lo hanno sottoscritto a gestire le relative controversie attraverso un preliminare tentativo di mediazione.

Incontro preliminare

E' stata introdotta, all'art. 8 del D. Lgs. 28/2010 , la "Sessione preliminare informativa" ovvero la possibilità per le parti di partecipare ad un primo incontro, con l'obiettivo di verificare la possibilità di proseguire con il tentativo di conciliazione. Nel caso in cui le parti decidano, nel corso della sessione preliminare informativa, di non proseguire, il procedimento si conclude con un mancato accordo. Ulteriori informazioni sulla sessione preliminare informativa sono disponibili alla pagina Procedure di mediazione.

Sede di Salò

L'Organismo di Mediazione della Camera di Commercio di Brescia ha aperto una sede secondaria in Salò (BS) presso la quale possono svolgersi le sedute di mediazione, grazie alla collaborazione con il Collegio degli Avvocati e Legisti Gardesani ed alla disponibilità del Comune di Salò, che ha concesso l'uso di una sala presso il Palazzo del Comune.
L'operatività della sede di Salò è sospesa fino alla cessazioen delle restrizioni legate allo stato di emergenza dovuto alla pandemia Covid-19. Le sedute si svolgono con modalità telematica.

Il mediatore

Il mediatore è la persona fisica che, in possesso dei requisiti e formata secondo i parametri stabiliti dal D.M. 180/2010 e successive modifiche, iscritta negli elenchi del Ministero di Giustizia previa verifica dei requisiti, svolge l'attività di mediazione finalizzata alla conciliazione della lite, rimanendo priva, in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari.

Il Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio di Brescia, attivo dal 1998, ha iscritto nei propri elenchi i mediatori sulla base di elevati e severi standard qualitativi e formativi ed è in grado pertanto di offrire elevata qualità e professionalità nella mediazione.

documento in formato pdf Elenco dei Mediatori - elenco mediatori presso sede di Brescia (dimensione 75 Kb)

documento in formato pdf Elenco dei Mediatori - elenco mediatori presso sede di Salò (dimensione 41 Kb)

Emergenza Covid19 - strumenti di risoluzione delle controversie

Se l'emergenza sanitaria ha creato controversie commerciali nazionali o internazionali alla tua impresa, la Camera di Commercio ti offre degli strumenti stragiudiziali di risoluzione delle controversie, rapidi, riservati, con costi contenuti e certi, anche senza l'obbligo di assistenza legale, e beneficiando della competenza di professionisti specificamente formati nella gestione di contenziosi commerciali, fruibili con collegamento a distanza tramite strumenti telematici anche in questo periodo: mediazione, arbitrato e conciliazione Italo cinese.
La mediazione civile e commerciale in materia contrattuale è la cosiddetta mediazione facoltativa, nella quale le parti possono raggiungere un accordo, con l'assistenza di un mediatore, usufruendo dei vantaggi fiscali previsti dal legislatore, specificati in questa pagina alla sezione Costi - benefici fiscali.

Tale tipologia di mediazione, se collegata a controversie derivanti dall'emergenza sanitaria, non subisce sospensioni e viene offerta mediante utilizzo di piattaforme telematiche sia nella fase di avvio e gestione della procedura che nella fase di mediazione vera e propria, che si svolgerà mediante collegamento da remoto tra le parti e il mediatore.

Per scaricare il modulo di domanda e consultare il tariffario è possibile visitare la pagina Modulistica

Un'altro strumento di risoluzione delle controversie che può essere utilizzato qualora abbia il contenzioso abbia ad oggetto la risoluzione di conflitti derivanti dall'emergenza sanitaria, è l'arbitrato, nelle due tipologie dell'arbitrato nazionale e internazionale, gestito, quest'ultimo, in collaborazione con Camera Arbitrale Milano.
Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Arbitrato

Per le imprese che operano sull'asse Italia Cina è a disposizione uno specifico strumento appositamente studiato, ovvero la procedure di conciliazione Italia-Cina attraverso il Centro di Conciliazione Italo-cinese di Milano.
Per maggiori informazioni consultare la sezione "Mediazione Italia Cina" in questa pagina.

La Segreteria dell'Organismo di Mediazione rimane a disposizione per informazioni e dettagli sulla modalità di presentazione delle istanze e sugli aspetti tecnici e operativi ai seguenti recapiti:

tel 030 3725 374/308; e-mail: tutela.mercato@bs.camcom.it; P.E.C. tutela.mercato@bs.legalmail.camcom.it

 

Mediazione Italia -Cina

La Camera di Commercio di Brescia ha sottoscritto con Camera Arbitrale Milano convenzione per la gestione congiunta di procedure di mediazione tramite il Centro di mediazione commerciale per controversie Italo-Cinesi, denominato Italy-China Business Mediation Centre (ICBMC).

La finalità del progetto è quella di offrire anche alle imprese bresciane che operano sull'asse Italia-Cina procedure di dispute resolution specifiche e collaudate dall'esperienza pluriennale di Camera Arbitrale di Milano.

Grazie a tale servizio le imprese che operano nell'asse Italia Cina potranno risolvere le controversie in maniera rapida, economica, riservata e strategica con l'aiuto di un terzo neutrale.

Il servizio di conciliazione della Camera di Commercio di Brescia fornirà assistenza qualificata alle imprese bresciane che vogliano accedere al centro per gestire eventuali dispute con controparti Cinesi.

Gli incontri di mediazione potranno svolgersi con la presenza fisica delle parti presso le sedi del Centro: Pechino oppure Milano o, in forza della convenzione, presso la sede della Camera di Commercio di Brescia.

Le imprese potranno rivolgersi alla Camera di Commercio di Brescia per ricevere informazioni sulle procedure, assistenza nella compilazione in inglese della domanda di mediazione e presenziare agli incontri di mediazione con modalità a distanza e strumentazione messa a disposizione dalla Camera di Commercio di Brescia. Di seguito è possibile scaricare la modulistica:

documento in formato pdf domanda di mediazione - mediation request form (dimensione 181 Kb)

documento in formato pdf adesione alla mediazione - mediation participation form (dimensione 112 Kb)

 

Per facilitare il ricorso alla mediazione sono state inoltre predisposte le clausole di mediazione e le clausole multistep, di seguito consultabili, che è consigliabile prevedere nella contrattualistica affinchè non insorgano dubbi, dopo l'insorgere della lite, in merito agli strumenti di risoluzione da utilizzare:

documento in formato pdf clausole di mediazione - mediation clauses (dimensione 201 Kb)

 

Per maggiori informazioni sul regolamento e sui costi del servizio è possibile consultare il sito di Camera Arbitrale Milano

 

 

 

Convenzione tra Organismo di Mediazione e Consiglio Notarile

L'Organismo di Mediazione della Camera di Commercio e il Consiglio Notarile di Brescia hanno stipulato una Convenzione che consente l'integrazione della procedura di mediazione con gli adempimenti notarili, al fine di garantire al cittadino un servizio qualificato, che consenta la piena fruibilità dei vantaggi collegati alla mediazione civile e commerciale ed, in particolare, le agevolazioni fiscali.

Gli accordi raggiunti nell'ambito delle procedure di mediazione, infatti, possono avere ad oggetto negozi giuridici che richiedono la forma dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata e, pertanto, l'assistenza notarile.

Per effetto della Convenzione, le parti in mediazione potranno procedere alla stipula di detti accordi negoziali direttamente presso i locali dell'Organismo di Mediazione della Camera di Commercio, alla presenza dei Notai specializzati che hanno fornito la propria disponibilità.

documento in formato pdf elenco notai specializzati (dimensione 16 Kb)

Tirocinio assistito

L'Organismo di mediazione della Camera di Commercio di Brescia, ritenendo la formazione continua dei mediatori un elemento imprescindibile per garantire la qualità e la professionalità nella gestione delle sedute di mediazione, ha apportato le modifiche al proprio Regolamento di Mediazione alla luce del D.M. 145/2010, per lo svolgimento del tirocinio assistito gratuito.

Le modalità di accesso al tirocinio, riservato a mediatori già iscritti, sono stabilite nell' Appendice E al Regolamento di Mediazione approvato con deliberazione della Giunta Camerale n. 86 del 10.6.2016

documento in formato pdf Criteri generali per la gestione dei tirocini assistiti (dimensione 79 Kb)

I mediatori non appartenenti all'Organismo di Mediazione camerale, possono fare domanda di ammissione al tirocinio assistito in materia di mediazione civile e commerciale compilando il seguente modulo:

documento in formato pdf Domanda di tirocinio assistito (dimensione 69 Kb)

In base all'art. 18 dei Criteri Generali per la gestione del Servizio di mediazione e conciliazione, la tenuta dell'elenco dei mediatori e la gestione dei tirocini assistiti (Appendice E al Regolamento di mediazione vigente), si darà luogo al tirocinio degli esterni soltanto dopo il completamento del tirocinio dei mediatori iscritti presso l'Organismo di Mediazione camerale.

 

 

Regolamento di mediazione

La versione integrale del Regolamento di Mediazione è disponibile consultando la pagina Statuto e regolamenti.

Clausole tipo per mediazione e arbitrato

Inserire una clausola di mediazione con l'indicazione, quale Organismo di mediazione, del Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio di Brescia, significa assicurarsi fin dall'inizio la risoluzione della lite con tutti i benefici (rapidità, economicità, sgravi fiscali, salvaguardia dei rapporti personali, controllo del risultato) tipici della Mediazione ed, inoltre, con la serietà e qualità di un soggetto pubblico che gestisce procedure di conciliazione dal 1998.

L'inserimento della clausola in un contratto/statuto obbliga le parti a sottoporre le controversie nascenti dal contratto al previo esperimento del tentativo di mediazione innanzi al Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio di Brescia.

documento in formato pdf clausole tipo per mediazione e arbitrato (dimensione 187 Kb)

 

Riferimenti normativi

documento in formato pdf Decreto Legislativo 4 marzo 2010 n. 28 (dimensione 57 Kb) Attuazione dell'articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali.

documento in formato pdf Direttiva in materia di mediazione civile del Ministro della Giustizia del 5.11.2013 (dimensione 52 Kb)

documento in formato pdf Circolare del Ministero di Giustizia del 27.11.2013 - Primi chiarimenti (dimensione 97 Kb)

documento in formato pdf Decreto Ministeriale 18 ottobre 2010 n. 180 (dimensione 76 Kb), aggiornato con le modifiche apportate dal D.M. 145/2011. Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità di iscrizione e tenuta del registro degli organismi di mediazione e dell'elenco dei formatori per la mediazione, nonchè l'approvazione delle indennità spettanti agli organismi, ai sensi dell'articolo 16 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 - aggiornato con le modifiche apportate dal D.M. 145/2011

documento in formato pdf Circolare del Ministero di Giustizia del 4.4.2011 (dimensione 33 Kb) Regolamento di procedura e requisiti dei mediatori. Chiarimenti.

documento in formato pdf Protocollo intesa tra Unioncamere e AGCOM (dimensione 508 Kb)

documento in formato pdf Delibera AGCOM 173/07 (dimensione 55 Kb ) Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti

 

link al sito www.adobe.com Per scaricare il software Acrobat Reader

 





Dove rivolgersi
Ufficio:Tutela del Mercato
Segreteria dell'Organismo di Mediazione
Via Einaudi, 23 - 25121 Brescia - II Piano
Contatti:Tel. 030.3725.374/363
Fax 030.3725.300
E-mail: tutela.mercato@bs.camcom.it
Posta elettronica certificata (P.E.C.): tutela.mercato@bs.legalmail.camcom.it
Orari di apertura al pubblico:Dal lunedì al venerdì: 9.00 - 12.00
Accesso allo sportello:Si riceve previo appuntamento
Attivit√†¬†dell'ufficio presenti sul sito:Procedure di mediazione