Che cosa è

Per imballaggio preconfezionato o preimballaggio si intende l'insieme di un prodotto e dell'imballaggio che lo contiene, chiuso in assenza dell'acquirente e preparato in modo che la quantità del prodotto in esso contenuta abbia un valore prefissato (quantità nominale) e non possa essere modificata senza aprire o alterare palesemente l'imballaggio stesso; le confezioni devono presentarsi chiuse e sigillate ovvero deve essere evidente qualsiasi tentativo di apertura dell'imballaggio.

segue

Iscrizioni metrologiche

I preimballaggi devono riportare obbligatoriamente alcune informazioni, le cosiddette iscrizioni metrologiche, di seguito elencate e distinte a seconda che si tratti di imballaggi preconfezionati C.E.E. o nazionali.

Imballaggi preconfezionati C.E.E.:

  • un marchio o una iscrizione che permetta di identificare chi ha effettuato o fatto effettuare il riempimento oppure, qualora si tratti di imballaggi preconfezionati C.E.E. provenienti da Stati non membri della Comunit√† europea, l'importatore stabilito nella Comunit√†;

  • l'indicazione della quantit√† nominale contenuta nell'imballaggio che corrisponde alla quantit√† di prodotto che si ritiene debba contenere. La quantit√† nominale deve essere espressa in cifre seguite dall'unit√† di misura (litri, centilitri e millilitri per le unit√† di volume e chilogrammi e grammi per le unit√† di massa).

Imballaggi preconfezionati nazionali:

  • l'indicazione del volume nominale nel caso di prodotti liquidi (espresso in litri, centilitri o millilitri), della massa nominale nel caso di altri prodotti (espressa in chilogrammi o grammi); le quantit√† nominali da indicare sono quelle all'origine.

Nel caso in cui si tratti di imballaggi preconfezionati (C.E.E. o nazionali) di prodotti alimentari, oltre alle precedenti iscrizioni si aggiunge una ulteriore iscrizione (non rientrante tra quelle cosiddette metrologiche) ai sensi dell'art. 17 del Decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 231:

  • l'identificazione del lotto di appartenenza della derrata alimentare (dove per lotto si intende un insieme di unit√† di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze sostanzialmente identiche).

segue

Tolleranze ammesse

I preimballaggi devono rispettare gli errori massimi in meno previsti dalla normativa; inoltre, i lotti di produzione (determinati secondo l'allegato II della legge 25 ottobre 1978, n. 690) devono soddisfare determinate condizioni.

L'Errore massimo tollerato in meno sul contenuto di un imballaggio preconfezionato è espresso in grammi o millilitri oppure in percentuale, in funzione della quantità nominale:

  • quantit√† nominali comprese tra 5 g o 5 ml e 50 g o 50 ml: 9% della quantit√† nominale;
  • quantit√† nominali comprese tra 50 g o 50 ml e 100 g o 100 ml: 4,5 g o ml;
  • quantit√† nominali comprese tra 100 g o 100 ml e 200 g o 200 ml: 4,5% della quantit√† nominale;
  • quantit√† nominali comprese tra 200 g o 200 ml e 300 g o 300 ml: 9 g o ml;
  • quantit√† nominali comprese tra 300 g o 300 ml e 500 g o 500 ml: 3% della quantit√† nominale;
  • quantit√† nominali comprese tra 500 g o 500 ml e 1000 g o 1000 ml: 15 g o ml;
  • quantit√† nominali comprese tra 1000 g o 1000 ml e 10000 g o 10000 ml: 1,5% della quantit√† nominale;
  • quantit√† nominali comprese tra 10000 g o 10000 ml e 15000 g o 15000 ml: 150 g o ml; (condizione applicabile solo nel caso di preimballaggi nazionali);
  • quantit√† nominali superiori a 15000 g o 15000 ml: 1% della quantit√† nominale; (condizione applicabile solo nel caso di preimballaggi nazionali).

I lotti di produzione devono soddisfare le seguenti condizioni:

  1. il contenuto effettivo degli imballaggi preconfezionati non deve essere inferiore, in media, alla quantità nominale;
  2. la percentuale di imballaggi preconfezionati che presentano un errore in meno superiore all'errore massimo tollerato deve essere di valore tale da consentire che la partita dei preimballaggi soddisfi ai controlli definiti all'allegato II della legge 25 ottobre 1978, n. 690;
  3. nessun preimballaggio che presenti un errore in meno superiore a due volte l'errore massimo tollerato può essere posto in commercio.

Responsabilità del produttore

La quantita' di prodotto contenuta in un imballaggio preconfezionato, denominata contenuto effettivo, deve essere misurata oppure controllata in termini di massa o di volume sotto la responsabilita' di chi effettua il riempimento; lo stesso obbligo sussiste per l'importatore, quando si tratti di imballaggi preconfezionati C.E.E. fabbricati fuori della Comunita' europea.

La misurazione o il controllo devono essere effettuati mediante uno strumento legale di misura adatto alla natura delle operazioni da compiere ed in regola con le disposizioni metriche in vigore. Il predetto controllo di fabbricazione puo' essere eseguito per campionamento.

segue

Vigilanza e controlli

La Camera di commercio è incaricata della sorveglianza presso le imprese produttrici o gli importatori.

I compiti degli organi di controllo sono mirati a verificare:

  • l'adeguatezza del sistema di controllo delle quantit√† e la sua corretta applicazione;
  • l'etichettatura dei prodotti;
  • l'adeguatezza e l'efficienza della strumentazione utilizzata;
  • la presenza e la correttezza delle registrazioni delle prove effettuate;
  • le quantit√† effettive contenute nei singoli preimballaggi, attraverso test a campione sui lotti di produzione.

 

Seminari e convegni

documento in formato pdf I prodotti preconfezionati 28 ottobre 2019 (dimensione 13,3 Mb)

Normativa di riferimento

Le Leggi Nazionali:

documento in formato pdf D.P.R del 26 maggio 1980, n. 391 (dimensione 31 Kb)

Le Leggi Comunitarie:

documento in formato pdf Legge del 25 ottobre 1978, n. 690 (dimensione 105 Kb)

documento in formato pdf D.L. del 3 luglio 1976, n. 451 - liquidi alimentari - (dimensione 268 Kb)

documento in formato pdf D. Lgs. del 25 gennaio 2012, n. 12 - gamme quantità nominali - (dimensione 18 Kb)

 

 

link al sito www.adobe.com Per scaricare il software Acrobat Reader

 





Dove rivolgersi
Ufficio:Metrico e Tutela del Prodotto
Metrologia
Via Einaudi, 23 - 25121 Brescia
Contatti:Tel. 030.3725.386
E-mail: metrico@bs.camcom.it
posta elettronica certificata (P.E.C.): metrico.brescia@bs.legalmail.camcom.it
Modalità di richieste on line: collegarsi alla pagina SERVIZIonline
Attivit√†¬†dell'ufficio presenti sul sito:Tachigrafi digitali   Trasferimenti e cessazioni officine   Autorizzazioni Centri tecnici   Metrologia legale   Verifica periodica   Utenti e fabbricanti metrici   Operatori metalli preziosi   Peso netto   Verifica prima